Loading...            
       

Piantiamo semi di bellezza nella comunità

AMABILI CONFINI è un progetto di alto valore culturale, umanistico e sociale, realizzato senza finalità di lucro.

L’iniziativa è finalizzata a trasformare le periferie in luoghi di bellezza e di memoria, a riconnettere gli abitanti all’identità storica del quartiere, a rafforzare il senso di appartenenza alla comunità, ad abbattere i confini "elitari" della letteratura. In questo modo, la cultura costituirà un’opportunità di crescita per ogni individuo, e il suo linguaggio universale potrà risuonare ovunque, anche e soprattutto nelle periferie.

Il progetto intende stimolare la partecipazione attiva degli abitanti facendone emergere le potenzialità narrative e dando, così, concretezza ad uno dei punti cardine del dossier Matera 2019:"...abbracciando l’idea di un “abitante culturale” che partecipi attivamente ai processi di co-creazione e di co-generazione...".

EDIZIONE 2017

5 macroaree, 5 settimane, 5 prestigiosi scrittori italiani: sono i numeri dell'edizione 2017 di Amabili Confini, che partirà il 23 maggio e si concluderà il 23 giugno. Anche questa volta, i protagonisti saranno gli abitanti dei quartieri della periferia della città, che parteciperanno agli eventi inviando un proprio racconto scritto sul tema TERRA.

Programma completo edizione 2017

Non si tratta di un concorso letterario: tra i racconti pervenuti ne sarà sorteggiato uno per ogni macroarea, abbinato a uno scrittore che ne curerà la presentazione. Inoltre, per ciascuna macroarea sarà individuato un altro racconto ritenuto particolarmente significativo dal gruppo di Amabili Confini.

Successivamente, ciascuno scrittore incontrerà la cittadinanza per promuovere il suo ultimo romanzo in luoghi storici e rappresentativi della città.

Tutti i racconti pervenuti saranno inseriti in un archivio on-line e in un'antologia.

LE MACROAREE

cartina quartieri

TEMA

Come è accaduto per la prima edizione di Amabili Confini, anche per la seconda edizione abbiamo pensato a un tema che potesse declinarsi in tanti modi: TERRA.
Madre Terra, Terra scoperta, colonizzata, Terra di frontiera, Terra violata e inquinata, Terra di ideali, Terra di conquiste, di lotte, di guerre, di vittime e di eroi, Terra contesa, Terra fertile, Terra di sismi e di fango, Terra di migrazioni, di popoli in rivolta, Terra di libertà e di identità, Patria e radici, Terra di storia e Arte, Terra di memorie, la nostra Terra.

COME PARTECIPARE

Ciascun candidato può presentare un solo racconto.
I racconti dovranno essere scritti in formato digitale, file WORD (docx, doc) o txt, e svilupparsi per 250 righe al massimo (5 pagine in formato A4).

Il nome del file deve contenere il nome e il cognome del candidato ed, eventualmente, il titolo del racconto.

SCADENZE

I testi dovranno pervenire entro il 30 aprile 2017.

Per iscriversi bisogna compilare il form presente nella pagina Partecipa prestando attenzione ai campi obbligatori.

Per ulteriori informazioni puoi contattare la Segreteria di Amabili Confini ai seguenti recapiti:
E-mail - info@amabiliconfini.it
Tel: 3277823064.

citazione

Altrettanto l’uomo è l’essere-limite che non ha limiti, l’essere confinario che non ha confini

EDIZIONE 2016

La prima edizione è stata una sorpresa per tutti: per noi organizzatori, per gli scrittori ospitati, per le persone che hanno accolto il nostro invito a scrivere mettendo su carta i loro sogni, le loro fantasie e sperimentando le loro capacità narrative; per gli abitanti di quei quartieri spesso dimenticati e per la comunità intera che ha conferito un significato più ampio e più profondo all’iniziativa con una partecipazione entusiastica e gioiosa.

Tutti si sono abbandonati piacevolmente al flusso della parola, alle emozioni della condivisione, alle suggestioni che scaturivano dalle narrazioni e dalle evocazioni della memoria. Tutto ciò ha rinvigorito il senso di appartenenza e la riscoperta delle comuni radici rendendo più saldo il legame con la nostra città.

GLI SCRITTORI DEL 2016

 

GIGLI & GIGLIASTRI

Nel 2015, a Matera, da un'idea di Sergio Gallo e Dalia Gravela, nasce l'Associazione Gigli & Gigliastri, con un progetto-tributo a De André tra musica e teatro. L'Associazione diviene molto attiva anche nell'organizzazione di eventi letterari, coinvolgendo scrittori anche di fama nazionale.

Per stimolarne una revisione critica e incentivare lo sviluppo del pensiero creativo, l’Associazione Gigli e Gigliastri ha proposto e attuato presso istituti scolastici superiori di Matera alcuni progetti e laboratori di ricerca e scrittura di testi poetici, di musica e di teatro.

Alla fine del 2015, dalla collaborazione con Francesco Mongiello, nasce il progetto culturale Amabili Confini.

GRUPPO

  • Sergio Gallo

    Responsabile del Progetto

    Sergio Gallo, giornalista, ha fondato l'associazione Gigli & Gigliastri nell'Aprile del 2015. Alla fine dello stesso anno avvia la collaborazione con Francesco Mongiello per Amabili Confini.

  • Francesco Mongiello

    Direttore Artistico 

    È un creativo ed un organizzatore di eventi culturali. Alla fine del 2015 propone a Sergio Gallo una collaborazione per dare vita, da una sua idea, al progetto Amabili Confini.

  • Dalia Gravela

    Animazione incontri nei quartieri

    Insegnante, appassionata di musica, di pedagogia e disagio infantile, e di teatro. Ha fondato l'Associazione Gigli & Gigliastri con Sergio Gallo.

  • Andrea Fontanarosa

    Responsabile Grafico

    Grafica, insegnante di yoga e attiva nel volontariato. Ha collaborato ad Amabili Confini sin dall'inizio, affiancando Mongiello e Gallo.

  • Maria Rosaria Salvatore

    Coordinatrice degli incontri nei quartieri

    Psicologa delle Organizzazioni e Psicoterapeuta, impegnata nel mondo del volontariato e dell'associazionismo.

  • Angela Riccardi

    Animazione incontri nei quartieri

    Imprenditrice, ha collaborato ad Amabili Confini già dalla prima edizione, affiancando Mongiello e Gallo.

News

rimani sempre aggiornato con la nostra newsfeed

Scrivici

Sei curioso, vorresti partecipare? Scrivici!