Al via la quarta edizione di Amabili Confini

Al via la quarta edizione di Amabili Confini

Nel 2019 Amabili Confini diventa itinerante coinvolgendo, oltre Matera, anche Miglionico, Montescaglioso, Irsina e Policoro.

È Orizzonti il tema della quarta edizione della rassegna Amabili Confini.

Dal 15 gennaio, collegandosi al nostro sito www.amabiliconfini.it, basterà compilare il modulo nella home page e inviare il racconto breve o la poesia. I testi dovranno pervenire entro il 15 aprile 2019. L’idea portante, per gli organizzatori, è stata quella di individuare un argomento che potesse essere declinato in molti modi, che non fosse blindato proprio perché potesse consentire a tutti di spaziare in base alle esperienze più diverse – orizzonti di senso, orizzonti cosmici, orizzonti di gloria, nuovi orizzonti, orizzonti perduti…

Tra tutti i racconti pervenuti ne saranno scelti cinque tramite sorteggio per rimarcare l’elemento democratico e “popolare” del progetto, avulso dai canoni del premio letterario: non ci sono giurie, non ci sono accademici, non ci sono esperti che valutano i racconti assegnando punteggi. Oltre ai testi sorteggiati, ne verranno menzionati altri cinque per particolari qualità narrative.

Date e sezioni

Quest’anno Amabili Confini, che si svolgerà dal 16 maggio al 14 giugno 2019 –  con un’anteprima il 3 maggio e un Amabili Confini Off (fuori programma) il 18 e 19 giugno – diventa itinerante, coinvolgendo quattro Comuni in cui l’iniziativa verrà replicata: Miglionico, Montescaglioso, Irsina e Policoro. Ciò è stato reso possibile grazie alla sinergia con le associazioni: Culture in Movimento, KonArte, Presidio del Libro Magna Grecia e la Cooperativa Arenacea.

Queste le sezioni della quarta edizione della rassegna Amabili Confini:

Periferie sociali: in cui si dà voce, mediante i loro racconti, a chi vive ai margini della comunità, come i migranti, e a chi ne è totalmente escluso, come i detenuti della Casa Circondariale di Matera.

Fuori zona: riservato ai racconti pervenuti da altri luoghi della Basilicata e da altre Regioni italiane.

Esperanto:  metafora con la quale si intende sublimare la funzione cui dovrebbe assolvere la Cultura, conferendole un linguaggio universale. In questa sezione si darà spazio ad esperimenti di cultura partecipata e di buone pratiche di condivisione con altri Paesi europei.

Amabili versi: alla rassegna si potrà partecipare non solo con i racconti ma anche con le poesie, ispirate al tema della quarta edizione. Grazie alla collaborazione con  l’associazione Matera Poesia 1995 il testo selezionato verrà menzionato e letto in occasione della cerimonia di premiazione del concorso nazionale artistico-letterario Una cartolina da Matera.

Amabili libri: in occasione dell’incontro con l’autore, organizzato e autogestito dagli studenti e in programma ogni venerdì mattina, per cinque settimane, in alcune scuole della città, si darà spazio anche alla lettura di un brano tratto da un capolavoro del 900 che verrà commentato dallo scrittore ospite della rassegna.

Amabili alchimìe: la rassegna si propone anche l’obiettivo di tessere relazioni e sinergie con altre associazioni culturali attive nel territorio lucano e non solo, dando loro l’opportunità di organizzare la rassegna nei Comuni in cui operano. In questo modo, grazie all’attivismo e all’entusiasmo di tanti appassionati, si innescheranno scambi e contaminazioni, emergeranno talenti, si svilupperanno nuove idee, contribuendo insieme a immettere nuova linfa nella programmazione culturale, a rinvigorire la comunità e a rinfocolare il desiderio di partecipazione.

Racconti, scrittori e quartieri

Tra tutti i racconti pervenuti ne saranno scelti cinque tramite sorteggio per rimarcare l’elemento democratico e “popolare” del progetto, avulso dai canoni del premio letterario: non ci sono giurie, non ci sono accademici, non ci sono esperti che valutano i racconti assegnando punteggi. Oltre ai testi sorteggiati, ne verranno menzionati altri cinque per particolari qualità narrative.

A ogni quartiere e a ogni racconto sarà abbinato un prestigioso scrittore che incontrerà il giovedì sera gli abitanti del quartiere cui è stato associato e converserà con gli autori dei testi selezionati, esprimendo le sue considerazioni sul loro contenuto e soffermandosi sul ruolo dello scrittore e sul valore della “scrittura” nel nostro tempo. Inoltre, verrà dato ampio spazio alla presentazione del suo nuovo romanzo.

Il venerdì mattina, lo scrittore parteciperà ad un incontro interamente autogestito dagli studenti e che coinvolgerà, a rotazione, alcune scuole della città; in serata, invece, sarà presente in uno dei Comuni aderenti all’iniziativa.

Ogni venerdì sera, in ciascuno dei Comuni partner del progetto, si svolgerà l’incontro tra lo scrittore e gli abitanti, che si terrà in un luogo significativo. In tale occasione lo scrittore converserà con gli autori dei due testi selezionati e presenterà il suo nuovo romanzo.

Il progetto, ideato da Francesco Mongiello, intende stimolare la partecipazione attiva degli abitanti facendone emergere le potenzialità narrative e conferendo allo scrittore ospitato il ruolo di “cittadino culturale temporaneo” nella Capitale Europea della Cultura 2019. In tal modo verrà attuato uno dei punti cardine del dossier Matera2019, quello di creare le occasioni “per allargare e qualificare il pubblico della cultura, sperimentando nuovi modelli di ascolto, condivisione e produzione, abbracciando l’idea di un “abitante culturale” che partecipi attivamente ai processi di co-creazione e di co-generazione. La cultura deve tornare a far parte della vita di tutti giorni come pratica, messa in relazione con gli altri, espressione creativa, esercizio di un nuovo modo di apprendere e di sentirsi cittadini”.

Amabili Confini – realizzato in collaborazione con: Culture in Movimento, KonArte, Cooperativa Arenacea, Presidio del Libro Magna Grecia –  è un progetto che non usufruisce di finanziamenti pubblici e viene realizzato grazie al sostegno di partner privati.

A breve online l’antologia 2018 di Amabili Confini

Sempre a partire dal 15 gennaio, sul nostro sito sarà pubblicata l’antologia di Amabili Confini edizione 2018. Basati sul concetto “Umanità”, tema della terza edizione, nell’antologia sono contenuti i 147 testi (126 racconti brevi e 21 poesie) pervenuti alla segreteria dell’associazione che sarà possibile leggere e, eventualmente, scaricare.

L’esperienza di Dario Voltolini durante Amabili Confini 2018

L’esperienza di Dario Voltolini durante Amabili Confini 2018

Riceviamo e pubblichiamo con enorme piacere un articolo di Dario Voltolini, uno degli autori ospiti dell’ultima edizione di Amabili Confini, con il quale lo scrittore rende omaggio alla sua esperienza a Matera e Pisticci.

Sono stato ospite a Matera e Pisticci nell’ambito del progetto “Amabili Confini”. E non saprei davvero come fare per ringraziare in maniera adeguata Francesco Mongiello e tutte le persone fantastiche che collaborano con lui e che con generosità totale mi hanno accolto e accompagnato nel mio purtroppo breve soggiorno.

Certo, il calore umano e la simpatia sono l’aspetto principale delle persone e della struttura che mi hanno così gentilmente invitato, tanto principale che quasi oscura il dato tecnico assai rilevante della solidità e particolarità del progetto che hanno allestito. Per me, che venivo per la prima volta in questi strepitosi luoghi (dopo anni di desiderio turistico misteriosamente mai soddisfatto), è stato un momento di grande emozione.

Emozione per i luoghi, finalmente visti e non da mero turista, bensì all’interno di un percorso comune con altri autori. Emozione per l’intelligenza progettuale, che connette molteplici realtà attive su un territorio sorprendente. Emozione per la gente incontrata e per i luoghi di questi incontri. Matera è un miracolo in terra, Pisticci un battito in più nel mio cuore.

Per un autore è assai gratificante essere “ricevuto”, poiché non sa mai – oppure lo sa sporadicamente – che destino abbiano le parole che ha scritto. Quindi entrare come ospite, ma anche come “collaboratore”, di un progetto così solido e disseminato, mi ha tonificato proprio in diretta relazione con il mio lavoro di scrittore. Un “ritorno” di questo tipo al “lancio” delle mie frasi scritte verso non so dove, mi riempie di allegria.

C’è poi una sottile corrispondenza tra la prospettiva di un tema come “Amabili Confini” e il senso del libro che sono venuto a presentare e che precisamente di confini (personali, emotivi, spirituali) tratta. È stato come un punto di tangenza fra due archi di origini diverse, il mio lavoro e il progetto che lo ha intercettato. Una gradevolissima combinazione.

Non posso non dire qualcosa dell’emozione che ho provato di fronte allo spettacolo vibrante di Matera.
Questa città, che a me è parsa extraterrestre, ha una forza interna impressionante e indefinibile. Il primo impatto è visivo, ma non passa molto tempo e la visione, furiosamente teatrale, lascia il posto a una comunicazione molto più stratificata, che scende profonda. La pulsazione che a poco a poco dalla città si trasmette a chi la vede e la percorre è lenta, è possente. Viviamo in un Paese che regala centinaia di emozioni di questo tipo. Matera è una vibrazione però del tutto particolare, perché ti prende subito come shock e poi anche come carsico movimento di seduzione.

Attorno alla scrittura, ma potrei dire in generale all’espressione artistica, ho visto convergere molte energie di persone, di intelligenze. A sostenere il tutto un senso profondo di comunità, non così facile da trovare altrove, in un Paese che peraltro potremmo dire che lo ha inventato. Di solito in un territorio queste energie circolano sì liberamente, ma anche in modo dissipativo e centrifugo. Al contrario, “Amabili Confini” mi è parso come un fulcro centripeto, magnetico, che alla dissipazione offre un punto di raccolta, di condivisione e di moltiplicazione.

Naturalmente non è tutto rose e fiori, e anche “Amabili Confini” ha i suoi difetti, anzi il suo unico grande difetto: cioè che l’ospite, a un certo punto, finisce che deve tornare da dove è venuto.

Dario Voltolini

Amabili Confini 2018: report degli incontri con Dario Voltolini

Amabili Confini 2018: report degli incontri con Dario Voltolini

Ultima tappa in grande, tra Matera e Pisticci, per l’edizione 2018 di Amabili Confini: protagonista di questa ultima tornata di appuntamenti di Amabili Confini, lo scrittore Dario Voltolini, in collaborazione con l’Associazione Plus di Pisticci.

Giovedì 21 giugno, alle 17.00, Voltolini ha dapprima conversato in diretta dagli studi di Radiosa Music con Sergio Gallo nel corso della trasmissione radiofonica “Nel becco del gallo”, invito alla lettura di libri e all’ascolto di buona musica. Alle 19, sempre a Matera, nella suggestiva terrazza del B&B “Fra i Sassi Residence”, intervistato dall’architetto Cristina Amenta e dalla ricercatrice dell’Università degli Studi della Basilicata Chiara Rizzi, lo scrittore ha presentato con semplicità e passione il suo libro Pacific Palisades.

Venerdì 22 giugno, alle 19, lo scrittore ha incontrato gli abitanti del quartiere residenziale di Pisticci Scalo e Mirella Troiano e Erminia Lapadula, rispettivamente autori dei racconti La controra, sorteggiato tra quelli pervenuti da Pisticci, e Il libro dei sogni, selezionato dall’Associazione Plus.  Voltolini ha condiviso letture, emozioni e riflessioni sul tema “Umanità” trattato in quei racconti, nell’incontro presentato da Giovanni Di Lena, dell’associazione Ce.C.A.M. Nel corso dell’incontro, per la sezione Periferie sociali del progetto è stata data lettura di alcuni brani tratti dai racconti dei migranti del centro accoglienza Rayo de Luna di Marconia, ed è stato proiettato un breve video sul tema Umanità, realizzato sempre dai migranti. Al termine, a Domenico Miolla è stato consegna l’attestato dell’Associazione Matera Poesia 1995 di Matera per la sua poesia scelta Ad Aylan.

Dario Voltolini durante l'incontro di Pisticci Scalo.

Dario Voltolini durante l’incontro di Pisticci Scalo.

Infine, sabato 23 giugno Dario Voltolini ha presentato il suo libro Pacific Palisades nella Piazza Umberto I di Pisticci, intervistato dalla scrittrice Maria Antonietta D’Onofrio e dal consulente editoriale Antonio De Sortis.

Richiamando sulle pagine le persone a lui più care e le loro storie, in Pacific Palisades Dario Voltolini – tra le penne più originali della letteratura italiana – ha immaginato nella forma del racconto in versi un dialogo tra i vivi e coloro che non lo sono più, facendo emergere una prospettiva nuova: ognuno di noi custodisce dentro di sé, insieme al proprio passato, anche – forse soprattutto – quello di chi ci ha preceduto. Da questo testo, Romaeuropa Festival porta nei teatri un reading diretto e interpretato da Alessandro Baricco, con le musiche di Nicola Tescari.

L'incontro con Voltolini nel centro storico di Pisticci.

L’incontro con Voltolini nel centro storico di Pisticci.

Appuntamento all’edizione 2019

La terza edizione di Amabili Confini finisce qui, ma stiamo già lavorando all’organizzazione della quarta edizione e ad altri eventi da proporre in tutti i periodi dell’anno: continuate a seguirci sul nostro sito e sulla nostra pagina Facebook per restare aggiornati sulle nostre attività.

A presto!

Amabili Confini 2018: report degli incontri con Rosella Postorino

Amabili Confini 2018: report degli incontri con Rosella Postorino

Protagonista della penultima e straordinaria tappa di Amabili Confini 2018 è stata la scrittrice Rosella Postorino.

La scrittrice Rosella Postorino durante uno dei suoi interventi presso la Biblioteca Provinciale di Matera.

La scrittrice Rosella Postorino durante uno dei suoi interventi presso la Biblioteca Provinciale di Matera.

Venerdì 15 giugno, nella Biblioteca Provinciale “T. Stigliani”, la Postorino ha incontrato gli abitanti dei quartieri della macroarea Spine Bianche, Piccianello e Serra Venerdì per condividere emozioni e riflessioni scaturite dal tema Umanità di questa edizione. Nella prima parte dell’incontro, condotto da Maria Rosaria Salvatore, del team di Amabili Confini, con la scrittrice sono stati letti e commentati alcuni brani tratti dal racconto sorteggiato per la macroarea L’ultima fermata, di Lucia Antezza, e dal racconto scelto Illusione perduta, di Nicola Tarasco.

L'attrice Luciana Paolicelli mentre interpreta un brano tratto dal racconto della studentessa Lucia Antezza.

L’attrice Luciana Paolicelli mentre interpreta un brano tratto dal racconto della studentessa Lucia Antezza.

Subito dopo, intervistata dall’ingegnere Simona Nardulli e dal giornalista Sergio Gallo, Rosella Postorino ha presentato in modo appassionato e appassionante il suo romanzo Le assaggiatrici. Al termine, alla scrittrice è stato donato il disegno realizzato proprio durante l’incontro da Michele Melodia, talentuoso studente del Liceo Artistico di Matera.

Michele Melodia mentre realizza il disegno donato a Rosella Postorino

Michele Melodia mentre realizza il disegno donato a Rosella Postorino.

Edito nel 2018 da Feltrinelli, il romanzo Le assaggiatrici ha avuto un grande successo internazionale sul mercato dei diritti prima ancora della Fiera di Francoforte. È stato venduto negli Stati Uniti, in Francia, in Olanda e in Spagna. Ispirandosi alla vera storia di Margot Wölk (assaggiatrice di Hitler nella caserma di Krausendorf, che soltanto nel 2014, a 96 anni, decise di parlare di quell’esperienza), Rosella Postorino immagina la vicenda di una donna in trappola, fragile di fronte alla violenza della Storia, forte dei desideri della giovinezza. Lei, insieme ad altre nove donne, assaggiano ogni giorno il cibo per il Führer, e vengono tenute sotto osservazione per un’ora dalle SS. Nell’ambiente chiuso della mensa forzata, fra le giovani donne si intrecciano alleanze, amicizie e rivalità sotterranee. Finché nel ’44 arriva il tenente Ziegler che instaura un clima di terrore e crea con Rosa Sauer un legame inaudito.

Gli altri appuntamenti di Amabili Confini 2018

Il programma della Terza Edizione si concluderà con gli incontri del 21 giugno a Matera e del 22 e 23 giugno a Pisticci con lo scrittore Dario Voltolini. L’intento di tessere legami con enti e associazioni attive nel territorio lucano ed extraregionale, ha dato vita alla sezione “Amabili Alchimìe”, grazie alla quale il progetto Amabili Confini sarà replicato, in sinergia con l’associazione Plus Hub, nel Comune di Pisticci.

Vi aspettiamo!